ALLA SCOPERTA DI MARIBOR, LA CITTÁ DAI TETTI ROSSI

di Gorazd Skrt, fondatore di Lovely Trips, fornitore sloveno di soluzioni di viaggio

Un tempo centro di fiorenti scambi e traffici commerciali, Maribor ha conosciuto momenti di grande splendore e altri più bui. Come quando, nel XV secolo, venne adibita a città-fortezza per resistere alle incursioni ottomane che terrorizzavano la Mitteleuropa. Ancora oggi la colonna barocca eretta nel 1743 svetta nella piazza principale, Glavni trg, a ricordo della terribile epidemia di peste che decimò la popolazione europea nel Seicento, e che non risparmiò neanche i suoi abitanti. Oggi, nelle giornate di sole, gli edifici dal tetto rosso del suo centro storico si specchiano nelle placide acque del grande fiume Drava, e Maribor è la seconda città più grande della Slovenia dopo la capitale.

Celebre per i molti esempi di architettura barocca conservati nel centro storico e nel pittoresco quartiere Lent, l’antico porto fluviale, e per la vite considerata la più antica del mondo, Maribor è l’ultima città ancora vicina alle Alpi prima delle grandi distese delle pianure pannoniche. Incastonata fra il massiccio gruppo montuoso delle Pohorje e le dolci colline coperte di vigneti, è ricca di storia e cultura, e vanta un patrimonio enogastronomico di tutto rispetto.

fonte: www.slovenia.info foto di Nikola Jurišič

Non per nulla fra le maggiori grandi attrattive di Maribor e della sua regione, la Stiria slovena, ci sono le Strade del vino, per esplorare i vigneti, visitare le cantine locali e scoprire i migliori vini prodotti su queste dolci colline. Delizie made in Maribor che offrono anche l’occasione di esplorare le campagne intorno alla città. In effetti oltre che per il suo splendido centro storico, Maribor è famosa anche per la bellezza dei dintorni. Tra parchi naturali, come quello della Drava, e le montagne del Pohorje, calamita per gli amanti delle attività all’aria aperta in ogni stagione.

fonte: www.slovenia.info foto di Jošt Gantar

Da non perdere, in centro, il Mariborski grad. Questo Castello, eretto nel 1478 per difendere la città dall’esercito ottomano, oggi ospita il Museo regionale, la cui vasta collezione di reperti illustra la storia della città e della regione dall’antichità alla storia più recente. D’altra parte, il grad è una bellezza da vedere di per sé, con la sua facciata elegantemente decorata e la sontuosa scalinata roccocò fiancheggiata da candide statue all’interno.

fonte: www.slovenia.info foto di Marko Petrej

Splendida poi la piazza principale, Glavni trg, a forma rettangolare e circondata dalle chiare facciate di palazzi e case nobiliari. Una pausa caffè seduti a uno dei suoi bar è davvero consigliabile, per avere il tempo di ammirare la cupola a cipolla della torre dell’orologio del municipio, la Colonna della peste in stile barocco, e il vivace viavai della piazza principale della città.

fonte: www.slovenia.info foto di Jurij Pivka

Il quartiere di Lent, infine, è uno dei punti più affascinanti di Maribor e merita di essere esplorato — e assaporato — con calma. Come spesso accade nelle città slovene, la lunga storia di questo punto della città si mescola a un’allegra vitalità. Oggi in molte case barocche affacciate sul fiume, e ancora ben conservate, si trovano bar e ristoranti dove assaggiare le specialità del posto. E passeggiando sul lungofiume da cui un tempo partivano le zattere per trasportare le merci lungo la Drava, e poi il Danubio, ci si immerge nel verde della fitta coltre di salici piangenti e altri alberi che lo adornano.

fonte: www.slovenia.info foto di Navdih.net archive

Ed è proprio in questo quartiere che si trova quella che è ritenuta la vite più antica del mondo. Abbarbicata alla facciata bianca di una casa da almeno 400 anni, la Stara trta è un’autentica celebrità a Maribor, e la sua fama è nota in ogni angolo della Slovenia. È un po’ il simbolo della città, tanto da dare anche il nome a uno dei festival più popolari di Maribor, il Festival dell’Antica Vite, che ogni anno comincia con la vendemmia della Stara trta e si conclude il giorno di San Martino, e richiama visitatori da tutto il paese e dall’estero per assaggiare le prelibatezze dell’enogastronomia locale.

fonte: www.slovenia.info foto di Jošt Gantar

Il post sopra è pubblicato sul blog di Lovely Trips, denominato LovelyTripsBlog.

Maggiori info su medium.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *